Skip to main content

Contrariamente a quanto rilevato dai dati sull’export italiano dei macchinari per gomma e materie plastiche (di cui abbiamo parlato qui), Rodolfo Comerio ha registrato proprio a fine anno un aumento dell’export dei propri prodotti sia per il settore della gomma che per il settore della plastica, segnando un +3% sul volume delle vendite totale registrato lo scorso anno nello stesso periodo.
Il 2018, in controtendenza con gli altri produttori di macchinari italiani, è iniziato un po’ a rilento per l’azienda leader nella progettazione e costruzione di linee di calandratura, ma la fine del 2018 ha subito un’impennata significativa.
Le previsioni per il 2019 sono più che ottime soprattutto grazie al lancio di nuovi prodotti.
Le linee di calandratura firmate Rodolfo Comerio per il 2019 presenteranno sviluppi significativi grazie a nuove tecnologie e sistemi automatici che verranno applicati soprattutto nelle linee di calandratura destinate al settore dello pneumatico, da quello per le autovetture, per i bus e truck a quello di grandi dimensioni per i mezzi pesanti di movimento terra.
Il 2018 è stato un anno importante per studiare nuove soluzioni sulla base delle necessità di numerosi produttori mondiali di pneumatici. A tal proposito sono in vista nuove soluzioni. Rodolfo Comerio ha per esempio annunciato che, nel suo centro ricerche, ha testato con successo il processo di calandratura per un materiale plastico composito che conferisce una nuova dimensione ai pavimenti in vinile di lusso. L’azienda ha messo a punto un innovativo impianto per la produzione di questo tipo di pavimenti che resiste alle estati più torride e agli inverni più gelidi eliminando ogni squilibrio di planarità.
Inoltre, è in fase di costruzione, nello stabilimento, un nuovissimo mescolatore a 2 cilindri per gomma del diametro di 810 mm e lungo 2.700 mm destinato alle sale mescole e all’alimentazione delle calandre.
I vantaggi del nuovo mescolatore sono la riduzione del costo della macchina; la maggior facilità di manutenzione e il minor spazio di manovra richiesto grazie alla semplicità della struttura e alla possibilità di estrazione cilindri dall’alto. Inoltre la macchina ha una maggiore compattezza, la pressione di laminazione è “amplificata” , le parti importanti della macchina, compreso il sistema di sollevamento gualcente, sono protette da carenature. Tra le altre caratteristiche tecniche: la velocità di apertura in emergenza è di 10 mm/sec, la massima apertura dei cilindri è di 60 mm, lo spostamento dei cilindri completamente idraulico. I motori adottati sono ad alta efficienza oppure idraulici.
Altre novità saranno annunciate da Rodolfo Comerio nel corso dell’anno.
Le anticipazioni per il settore dei pneumatici saranno rese pubbliche in occasione della fiera del Tire Technology Expo, che si terrà ad Hannover dal 5 al 7 marzo (stand n. 7048 Hall 21).

css.php